Big Muff - versioni

Big Muff V2 - Ram's Head

Il .

Periodo: 1972 - 1977
Edizioni: 3

True bypass: no
Alimentazione: batteria a 9V, oppure adattatore con presa da 9V come quelli della 1Spot o altri.
Scatola in cartone
Made in USA

Bisogna premettere che in questa versione del Big Muff raggrupperemo le edizioni in 3 grandi categorie, ma che in realtà dovrebbero essere molte di più perché nel tempo sono stati sostituiti vari componenti interni e quindi molti Big Muff della stessa edizione potrebbero suonare in maniera totalmente differente. Le varianti più conosciute sono la "47", chiamata così per l'utilizzo di condensatori siglati 47µF, .047µF, e 470pF e resistenze da 470k. Questa variante sarà poi seguita dalla "73". La variante del circuito "Violet" forse è quella più comune. Altre varianti sono la "White Can" e la  "White box cap".

Prima edizione: La faccina disegnata in basso a destra è quadrata ed è presente solo la scritta "on" al centro sopra il potenziometro del tono.

big muff v2 rams head e1 1 big muff v2 rams head e1 2

big muff v2 rams head e1 3

big muff v2 rams head e1 4

big muff v2 rams head e1 5

big muff v2 rams head e1 6

 

Seconda edizione: La faccina disegnata in basso a destra è rotonda ed è presente solo la scritta "on" al centro sopra il potenziometro del tono. Di questa edizione fanno parte anche i V2 Violet, ovvero Big Muff con le scritte di un unico colore anziché in rosso e nero come di solito. I colori con cui si possono trovare i Violet sono rosso, blu, nero e ovviamente viola. Nelle versioni più recenti è stata introdotta la scritta "off" sopra il potenziometro del tono.

big muff v2 rams head e2 violet 1 big muff v2 rams head e2 violet 2

big muff v2 rams head e2 violet 3

big muff v2 rams head e2 violet 4

big muff v2 rams head e2 violet 5
big muff v2 rams head e2 violet 6

 

Terza edizione: La faccina disegnata in basso a destra è quadrata e sono presenti entrambe le scritte "on" e "off" al centro sopra il potenziometro del tono.

big muff v2 rams head e3 1 big muff v2 rams head e3 2

big muff v2 rams head e3 3

big muff v2 rams head e3 4

big muff v2 rams head e3 5

big muff v2 rams head e3 6

Versioni del Big Muff V7 A Sovtek Civil War grigio e blu

Il .

Periodo: circa dal 1991 al 1993
Edizioni: 1

True Bypass: no
Alimentazione: batteria a 9V, oppure adattatore con presa da 9V come quelli della 1Spot o altri.
Scatola in legno
Made in Russia

Grigio blu nella parte superiore, mentre nella parte inferiore è colorata di azzurro/grigio. Box molto simile a quello che verrà utilizzato per le due versioni successive.

big muff v7a civil war azzurro 1 big muff v7a civil war azzurro 2

big muff v7a civil war azzurro 3

big muff v7a civil war azzurro 4

big muff v7a civil war azzurro 5

Versioni del Big Muff V8 Sovtek Black Russian

Il .

Periodo: circa dal 1999 al 2009
Edizioni: 2

True Bypass: prima edizione no, seconda edizione si
Alimentazione: batteria a 9V, oppure adattatore con presa da 9V come quelli della 1Spot o altri.
Scatola in legno per entrambi, ma verso l'anno 2005 viene sostituita con una di cartone
Made in Russia


Prima edizione: il box è diverso dal precedente, più basso e leggero, mantiene le 6 viti e le scritte gialle su corpo nero. Quattro piedini in gomma rotondi e sportellino per la batteria in metallo. E' l'ultimo pedale della Sovtek a non essere true bypass. Solitamente questo pedale ha una vernice lucida. Da notare che questa versione del Big Muff presenta un "problema" al potenziometro del volume, che inizia a lavorare più o meno da ore 11 in poi, quindi verso il 40% della sua apertura. Da 0 fino al 40% il suono è debolissimo.

Big Muff V8 Black Russian box piccolo prima edizione Big Muff V8 Black Russian box piccolo prima edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo prima edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo prima edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo prima edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo prima edizione

 

Seconda edizione: il box è diverso dal precedente e passa a 4 viti, risulta inoltre molto più leggero e ha una vernice opaca. Quattro piedini in gomma rotondi e sportellino per la batteria in metallo. True Bypass. Inizialmente veniva venduto con scatola in legno mentre in seguito questa venne sostituita da una più economica in cartone. Le prime edizioni presentano una scritta gialla un po' più scura delle successive. Stesso problema dell'edizione precedente legato al potenziometro del volume: in questa edizione è ancora più marcato il deficit del suono fino al 40% della sua apertura, mentre dal 40 al 50% vi è un'escursione volumetrica molto incidente e a volte poco gestibile.

Con questo pedale si conclude l'avventura della Sovtek nella costruzione del Big Muff. Tutte le sue produzioni sono ormai diventate pezzi da collezione, inclusi questi due ultimi pedali, molto criticati nel periodo di produzione e ora molto ricercati dai chitarristi ma soprattutto dai bassisti, che hanno trovato in esso un ottimo fuzz capace di esaltare il suono del basso come pochi altri riescono a fare, con un suono inimitabile. Ricordiamo inoltre che proprio quest'ultima versione viene attualmente usata dal bassista dei MUSE Chris Wolstenholme in triplice coppia!

Big Muff V8 Black Russian box piccolo seconda edizione Big Muff V8 Black Russian box piccolo seconda edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo seconda edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo seconda edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo seconda edizione

Big Muff V8 Black Russian box piccolo seconda edizione

 

Versioni del Big Muff V7 D Sovtek Black Russian

Il .

Periodo: circa dal 1998 al 2000
Edizioni: 2

True Bypass: no
Alimentazione: batteria a 9V, oppure adattatore con presa da 9V come quelli della 1Spot o altri.
Scatola in legno
Made in Russia


Prima edizione: ha lo stesso box in metallo del modello Green terza edizione ma ovviamente verniciata di nero, sei viti, sportellino per batteria rotondo. Mantiene la scritta del predecessore (bubble font).

Sovtek Russian Big Muff Black V1 Sovtek Russian Big Muff Black V1

Sovtek Russian Big Muff Black V1
Sovtek Russian Big Muff Black V1

 

Seconda edizione: mantiene lo stesso box ma con caratteri diversi dalla prima versione. Caratteri più moderni che troveremo in tutte le edizioni seguenti e con il simbolo π posizinato sotto la scritta Big Muff anzichè di fianco.

Sovtek Russian Big Muff Black V2 Sovtek Russian Big Muff Black V2

Sovtek Russian Big Muff Black V2

Sovtek Russian Big Muff Black V2

Sovtek Russian Big Muff Black V2

Sovtek Russian Big Muff Black V2

Versioni del Big Muff V7 C Sovtek Green Russian

Il .

Periodo: circa dal 1994 al 2000
Edizioni: 3

True Bypass: no
Alimentazione: batteria a 9V, oppure adattatore con presa da 9V come quelli della 1Spot o altri.
Scatola in legno
Made in Russia


Prima edizione: ha un box in metallo con ai lati un solco in rilievo, la scritta "Big Muff" è scritta con cartteri allungati (tall font), piedini rettangolari. Le prime versioni hanno inoltre i pomelli dei potenziometri grigi. I potenziometri interni hanno la parte superiore (quella da cui escono i i connettori per i fili di corrente) di colore verde.
Purtroppo per questa edizione fu utilizzata una vernice non molto buona, e quasi tutti gli esemplari col tempo si sono deteriorati più delle successive varianti.

Sovtek Russian Big Muff Green V1 Sovtek Russian Big Muff Green V1

Sovtek Russian Big Muff Green V1

Sovtek Russian Big Muff Green V1

Sovtek Russian Big Muff Green V1

Sovtek Russian Big Muff Green V1

 

Seconda edizione: ha caratteri diversi dalla prima (bubble font) ma stesso box di metallo con solco laterale. Pomelli dei potenziometri neri stile "bottoni", sportellino per la batteria in plastica e piedini rettangolari. All'interno i potenziometri ora sono totalmente metallici. Per approfondire leggi l'articolo che ho scritto sul Big Muff verde militare seconda edizione!

Sovtek Russian Big Muff Green V2 Sovtek Russian Big Muff Green V2

Sovtek Russian Big Muff Green V2

Sovtek Russian Big Muff Green V2

Sovtek Russian Big Muff Green V2

Sovtek Russian Big Muff Green V2

 
 
 
Terza edizione: box in metallo più leggero e senza solchi laterali, sei viti (due in più dei precedenti), sportellino della batteria in metallo, piedini rotondi.
 
Sovtek Russian Big Muff Green V3 Sovtek Russian Big Muff Green V3

Sovtek Russian Big Muff Green V3
Sovtek Russian Big Muff Green V3

Sovtek Russian Big Muff Green V3
Sovtek Russian Big Muff Green V3

Versioni del Big Muff V7 Sovtek Civil War grigio e verde

Il .

Periodo: circa dal 1993 al 1994
Edizioni: 1

True Bypass: no
Alimentazione: batteria a 9V, oppure adattatore con presa da 9V come quelli della 1Spot o altri.
Scatola in legno
Made in Russia

Grigio blu nella parte superiore, ma distinguibile per la parte inferiore verniciata in verde. Il case sarà lo stesso utilizzato poi nella prima generazione della V7 B e V7 C Green, con la differenza che sarà totalmente verniciato di verde ed avrà un solco orizzontale nei lati.

 

Sovtek Russian Big Muff Civil War V7 Sovtek Russian Big Muff Civil War V7

Sovtek Russian Big Muff Civil War V7

Sovtek Russian Big Muff Civil War V7

Versioni del Big Muff V1 Triangle

Il .

Periodo: 1969 - 1973
Edizioni: 2

True bypass: no
Alimentazione: batteria a 9V, oppure adattatore con presa da 9V come quelli della 1Spot o altri.
Scatola in cartone
Made in USA

Prima edizione: Box metallico con 3 Potenziometri disposti a triangolo. All'interno non vi è un circuito stampato: i componenti sono stati saldati sopra una tavola perforata. Una rarità!

Big Muff V1 Triangle Big Muff V1 Triangle

Big Muff V1 Triangle

Big Muff V1 Triangle

 

Seconda edizione: Nella seconda edizione è stato introdotto uno switch ON/OFF sopra il potenziometro del volume, in alto a sinistra. Sostituita la tavola perforata con circuito stampato saldato a mano.
Questo è il Big Muff V1 più conosciuto e diffuso, inoltre si può trovare con diversi tipi di pomelli, sempre originali. Il colore del circuito può variare, dal marroncino al blu/azzurro.

Big Muff V1 Triangle Big Muff V1 Triangle

Big Muff V1 Triangle

Big Muff V1 Triangle

Big Muff V1 Triangle

Big Muff - Tutte le versioni

Il .

Il Big Muff nasce negli anni sessanta e fino ad oggi conta più di una dozzina di versioni, in più ognuna di esse nel periodo del suo sviluppo è stata modificata "in meglio" e questo fa sì che per ogni versione ve ne siano 2 o 3 edizioni che si discostano dalla precedente per singoli componenti sostituiti nel circuito stampato oppure per il colore della vernice, per la forma del box, ecc..
Negli anni novanta, fino all'anno 2009 è iniziata una produzione alternativa in Russia, da parte dell'azienda Sovtek, del Big Muff che è diventato il preferito dei bassisti per il suo sound che si discosta un po' da quello americano. Per fare un esempio, il bassista dei MUSE, Chris Wolstenholme, nel suo rack live utilizza ben 3 Big Muff V8 seconda edizione!

V1 Big Muff V1 - Triangle
Big Muff V2 Ram's Head Big Muff V2 - Ram's Head
Big Muff V3 Big Muff V3 (soon)
Big Muff V4 Op-Amp Big Muff V4 - Op-Amp (soon)
Big Muff V5 Op-Amp Tone Bypass Big Muff V5 - Op-Amp Tone Bypass (soon)
Big Muff V6 Reverse Logo Big Muff V6 - Reverse Logo (soon)
Big Muff V7 Civil War grigio e verde Big Muff V7 - Sovtek Civil War grigio e verde
Big Muff V7a Civil War grigio e blu

Big Muff V7 A - Sovtek Civil War grigio e blu

Big Muff V7b Civil War verde e nero Big Muff V7 B - Sovtek Russian Civil War verde e nero (soon)
Big Muff V7c Green Russian Big Muff V7 C - Sovtek Green Russian
Big Muff V7d Black Russian Big Box Big Muff V7 D - Sovtek Black Russian con box grande
Big Muff V8 Black Russian Small Box Big Muff V8 - Sovtek Black Russian con box piccolo
Big Muff V9 Reissue Big Muff V9 - Reissue (soon)

Pedali e chitarre IN VENDITA

pool 293Ti interessa il pedale di cui hai appena letto la recensione? E' possibile che io lo abbia in vendita sulla mia pagina di mercatino musicale quindi vai a dare un'occhiata!

Articoli che potrebbero interessarti:

Tutti i marchi e le immagini appartengono ai legittimi proprietari.
Testi: © 2014 - 2021 Copyright Alberto Dessì. Vietata la copia anche parziale.
Note Legali - Privacy - Cookie Policy

facebook youtube Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari per il suo funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.