Boss

Recensione del pedale Boss CH-1 Super Chorus

Il .

Voto: 3/5 - Chorus essenziale ma di qualità.

boss ch1 super chorus 350Il Boss CH1 Super Chorus è uno degli effetti più famosi della Boss, nonché uno dei chorus più piaciuti e utilizzati di sempre. Prodotto a partire dall'anno 1989 e tutt'oggi in produzione, deve la sua fama alla sua semplicità d'uso e alla sua qualità sonora. Possiede quattro potenziometri: E.Level regola il livello di miscelazione tra il suono pulito e quello effettato; EQ regola i toni del chorus; Rate regola la velocità dell'effetto e Depth ne regola lo spessore. Il Super Chorus possiede anche due uscite jack, così da poter ottenere un ottimo effetto stereo se collegato a due diversi amplificatori.
Gli esemplari di questo pedale, prodotti prima del 1997, devono essere alimentati tramite alimentatore esterno a 12 volt, mentre quelli prodotti dopo tale periodo possono essere collegati tranquillamente a un classico alimentatore a 9 volt con assorbimento a 15 mA. Entrambe le versioni possono ovviamente essere alimentate tramite batteria interna a 9v.

Non sono un grande amante dell'effetto chorus ma devo dire che con il Super Chorus mi sono divertito molto, è semplicissimo da usare e possiede un suono caldo, trasparente e low noise e grazie a queste caratteristiche riesce a lavorare tranquillamente anche con il basso e con le tastiere. Tramite le sue regolazioni puoi decidere di aggiungere un effetto impercettibile fino ad arrivare a una modulazione molto marcata, impossibile da non essere notata. Da non sottovalutare la possibilità di uscire dal pedale tramite due differenti jack e quindi poter utilizzare l'effetto stereo.
Devo ammettere che dopo aver utilizzato un po' questo pedale mi è venuta voglia di inserirlo in pedaliera! Quando l'ho utilizzato con una Stratocaster ho riconosciuto subito un sound quasi identico quello che aveva John Frusciante in alcuni brani di quando suonava nei Red Hot Chili Peppers, una figata! In più in molti consigliano di acquistare questa versione al posto del più recente Boss CE5 Chorus Ensemble, perché pare essere più freddo.

In conclusione mi sento di consigliare il Super Chorus sicuramente agli amanti di questo tipo di modulazione e anche a chi vuole iniziare a inserire nei propri pezzi questo effetto spendendo poco senza rinunciare alla qualità: attualmente infatti questo pedale si riesce a reperire usato intorno ai 50 euro.

Recensione del pedale Boss OD-1 OverDrive

Il .

Voto: 3/5 Buon overdrive vintage ma niente di più

boss od1 overdrive 350Il Boss OD1 OverDrive è stato il primo pedale compatto prodotto dalla Roland con la sua nuova linea Boss, nonché il primo pedalino overdrive mai creato!! Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1977 ed è fuori produzione dal 1985 anche se negli ultimi anni ha visto la luce il nuovo Boss OD-1x Overdrive, rivisitazione moderna di questo antico pedale ma in versione digitale.

Il pedale possiede due semplici controlli, il Level che permette di regolare il volume dell'effetto quando è inserito, e Over Drive che regola invece il grado di saturazione del segnale. Manca quindi il potenziometro dei toni, introdotto in tutte le versioni successive e diventato uno standard su tutti i pedali overdrive e distorsioni. Questo è uno dei tanti pedali Boss che per funzionare richiede il vecchio alimentatore Boss ACA, ovvero una alimentazione a 12 volt che viene poi ridotta internamente dal pedale a 9v tramite una resistenza e un diodo, vecchia strategia che veniva utilizzata quando gli alimentatori si vendevano prevalentemente sbilanciati. Esistono comunque molti escamotage per riuscire a far funzionare al meglio questi vecchi pedali, ti consiglio dunque di leggere la guida che ho scritto a riguardo. Il Boss OD1 Overdrive può quindi essere alimentato tramite batteria interna a 9 volt oppure tramite alimentatore esterno a 12 volt con assorbimento a 4 mA.

Questo pedale, essendo il primo overdrive mai creato, secondo la logica dovrebbe costare una valanga di soldi ma invece è possibile riuscire a reperirlo usato intorno ai 150 - 200 euro, nulla a che vedere con i prezzi dei primi Big Muff che attualmente raggiungono anche i 1000 euro. Questo è dovuto al fatto che effettivamente non è un grande overdrive e molti altri pedalini Boss sono veramente superiori in termini di prestazioni e qualità del suono, e anche relativamente economici.

boss od1x overdrive 350Il sostituto odierno di questo overdrive è il Boss OD3 Overdrive, provvisto ovviamente del potenziometro dei toni. Questo pedale a confronto possiede più volume in output, un po' più di gain e in generale sembra essere più aggressivo del suo predecessore. Ho saltato invece il paragone con il Boss OD2 Turbo Overdrive perché quest'ultimo risulta veramente molto più aggressivo e con carattere diverso dalla linea di sound dell'OD1 e dell'OD3, mantenendo comunque la possibilità di ottenere un soft overdrive anche con esso. Anche in confronto al Boss SD1 Super Overdrive (pedale che adoro) siamo su due piani diversi.

In conclusione, il Boss OD1 OverDrive è un buon pedale, fornisce un overdrive abbastanza soft e dinamico, ma niente di più. Ci sono sicuramente in commercio dei pedali migliori e di prezzo molto più contenuto. Personalmente il fatto che l'OD1 non possegga il potenziometro dei toni è una cosa che non riesco proprio a mandar giù e per questo non me la sento di consigliare l'utilizzo di questo pedale.

Recensione del distorsore Boss HM-3 Hyper Metal

Il .

Voto: 2/5 - Distorzione metal limitata unicamente a questo genere musicale.

boss hm3 hyper metal 3Il Boss HM3 Hyper Metal è una distorsione high gain orientata verso il suono metal, proprio come ne suggerisce il nome. Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1993 ed è fuori produzione dal 1998. Possiede 4 potenziometri: Level, che regola il volume generale della distorsione, Color Mix Low per regolare le frequenze medio-basse, Color Mix High per regolare le frequenze medio-alte e Dist per regolare l'incremento del gain. Gli esemplari di questo pedale, prodotti prima del 1997, devono essere alimentati tramite alimentatore esterno a 12 volt, mentre quelli prodotti dopo tale periodo possono essere collegati tranquillamente a un classico alimentatore a 9 volt con assorbimento a 10 mA. Entrambe le versioni possono ovviamente essere alimentate tramite batteria interna a 9v.
Questo genere di distorsioni non mi ha mai convinto molto a causa della loro nativa spinta verso gli alti; non si riescono infatti a regolare i toni in maniera decente per poter utilizzare il pedale in generi non metal. Se si decide invece di utilizzare una chitarra con accordatura in Do le frequenze diventano un po' più gestibili, ma comunque non si riesce a evadere da quel genere musicale. Il suo suono rappresenta la tipica distorsione che si può ascoltare in molti album Black Metal, Death Metal, Gothic, Power, ecc.
Dal vivo questi pedali non riescono a bucare il mix in maniera accettabile e vengono sommersi dalle frequenze della batteria, a meno che non si ecceda col livello di volume. Avendo iniziato il mio percorso chitarristico proprio con un pedale simile ho avuto grandissimi problemi a far sentire il mio strumento nei primi live con i miei amici, fino a che non ho deciso di acquistare il mitico Boss SD1 Super Overdrive, che di sua natura crea una saturazione molto più soft, di tutt'altro genere.

Il Boss Hyper Metal non ha avuto una vita longeva, la sua produzione infatti è terminata nel 1998, lasciando invece sul mercato il suo predecessore, il Boss MT-2 Metal Zone. In confronto a quest'ultimo, l'Hyper Metal è un po' meno zanzaroso e un po' più presente sulle basse frequenze, fattori che me lo fanno piacere di più del Metal Zone perché a mio avviso lo rendono un po' più "versatile".
Se sei un musicista metal ti consiglio di provarlo anche perché si riesce a reperire usato da internet intorno ai 50 euro, in alternativa puoi andare a provare il Metal Zone in un negozio di musica e ricordare le differenze che ho elencato. Se invece cerchi qualcosa di meno devastante ti consiglio di leggere il mio articolo relativo a le migliori distorsioni per chitarra.

Recensione del pedale Boss LS-2 Line Selector

Il .

Voto: 4/5 - Signal Router dalle mille possibilità

boss LS2 Line SelectorIl Boss LS2 Line Selector è uno dei pedali Boss più utilizzati, soprattutto dai bassisti, per gestire il routing del segnale del proprio strumento. Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1991 ed è attualmente ancora in produzione e ha come caratteristica quella di fornire due loop di effetti separati e ben 6 diverse modalità di gestione.
A disposizione abbiamo un input, un output, 2 send e 2 return. Sulla parte frontale sono presenti tre potenziometri: due ci permettono di regolare individualmente i volumi di uscita di ogni singolo loop, mentre tramite il terzo possiamo selezionale la modalità di loop che andremo ad utilizzare. Per maggiore chiarezza sono stati inseriri due led, uno rosso e uno verde, che accendendosi indicano quale loop sitamo utilizzando. Gli esemplari di questo pedale, prodotti prima del 1997, devono essere alimentati tramite alimentatore esterno a 12 volt, mentre quelli prodotti dopo tale periodo possono essere collegati tranquillamente a un classico alimentatore a 9 volt con assorbimento a 25 mA. Entrambe le versioni possono ovviamente essere alimentate tramite batteria interna a 9v. In caso di alimentazione tramite cavo esterno, il Line Selector possiede anche un pin a cui collegare un cavo che permette di fornire alimentazione ad altri pedali.

Le sei possibili modalità di routing del segnale sono:

  1. A <-> B: Tramite questa modalità si possono alternare i Loop A e B, quindi il pedale non può essere bypassato e si deve obbligatoriamente scegliere in quale dei due loop passare.
  2. A <-> BYPASS: Alterna il Loop A al bypass, quindi potremmo scegliere di passare solo tramite il Loop A, oppure scegliere di bypassare il pedale.
  3. B <-> BYPASS: Alterna il Loop B al bypass, quindi potremmo scegliere di passare solo tramite il Loop B, oppure scegliere di bypassare il pedale.
  4. -> A -> B -> BYPASS ->: Premendo il pedale, inseriremo in sequenza e singolarmente il Loop A, il Loop B e il Bypass.
  5. -> A + B -> BYPASS ->: Premendo il pedale alterneremo il mix tra i due loop (mix regolabile tramite i due potenziometri descritti precedentemente) oppure il Bypass.
  6. Output Select: Premendo il pedale potremo selezionare in sequenza da quale output uscire, ovvero tramite l'uscita Output, Send A o Send B.

Uno dei veri punti di forza di questo pedale è la possibilità di poter cambiare rapidamente le modalità di routing tra una canzone e l'altra, soprattutto durante un live, così da poter avere una grandissima libertà in caso di utilizzo di molti pedali. Per esempio, nella ipotetica canzone numero 6 della nostra scaletta avremo necessità di utilizzare solo il loop B o il segnale pulito, allora imposteremo la modalità 3. Nella canzone seguente invece ci servirà il blend tra i due loop e a seguire avremo bisogno del segnale pulito, allora imposteremo la modalità 5, e così via. Di conseguenza risulta essere una delle soluzioni migliori per risolvere problemi di routing e loop, calcolando anche che da usato si può tranquillamente acquistare sui 70 euro.
Riguardo i chitarristi, un ottimo utilizzo del Line Selector potrebbe essere quello di inserire in uno dei suoi loop tutta la sezione overdrive / distorsioni: personalmente mi è capitato più volte di utilizzare booster, distorsore e compressore tutti insieme e di dover passare al volo a un riff pulito, in questi casi capita di dover letteralmente saltare sopra i pedalini per disattivarli il più velocemente possibile. Inserendoli in uno dei loop del Line Selector è sufficiente premere su di lui per bypassarli all'istante e ottenere al volo il segnale pulito.

Il Boss LS2 Line Selector è spesso presente nelle pedaliere dei bassisti per il fatto che questo strumento necessita di mantenere sempre un po' di segnale pulito quando si utilizzano pedali come distorsori o fuzz, come il Sovtek Big Muff V8 nero, che comprimono e tagliano molte frequenze. In questa maniera possono impostare un buon blend tra segnale effettato e pulito e ottenere un suono bello effettato ma con tutte le frequenze pulite sempre presenti. La modalità Output Select è utilissima nel caso utilizzassimo dal vivo più amplificatori mentre la modalità -> A -> B -> BYPASS ci permette di poter collegare al pedale tre diversi strumenti e poterli alternare tra una canzone e l'altra tramite una semplice pressione del pedale.

Recensione del pedale Boss OC-2 Octave

Il .

Voto: 3/5 - Buon generatore di ottave basse, analogico

boss oc2 octave 350

Il Boss OC2 Octave, come suggerisce il nome, è un pedale che genera ottave basse delle note che si stanno suonando. Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1982 ed è fuori produzione dal 2005. Possiede tre potenziometri: OCT 2 per regolare il volume della nota generata due ottave sotto quella corrente, OCT 1 per regolare il volume di quella generata un'ottava sotto, e Direct Level per regolare il volume della nota non effettata. Il Boss OC2 Octave è analogico e quindi monofonico, ne consegue che bisogna applicarlo solo a note singole altrimenti genererà suoni poco gradevoli.. Per migliorare la sua resa è consigliabile utilizzare il pickup al manico del priprio strumento. Gli esemplari di questo pedale, prodotti prima del 1997, devono essere alimentati tramite alimentatore esterno a 12 volt, mentre quelli prodotti dopo tale periodo possono essere collegati tranquillamente a un classico alimentatore a 9 volt con assorbimento a 4 mA. Entrambe le versioni possono ovviamente essere alimentate tramite batteria interna a 9v.

Il Boss OC2 è fuori produzione, rimpiazzato dal nuovo Boss OC3 Super Octave, creato con tecnologia digitale.Si può comunque trovare usato facilmente e a prezzi molto ridotti, solitamente intorno ai 50 euro. Questo pedale col tempo è diventato un vero punto di riferimento per i bassisti, che spesso lo preferiscono ad altri ottimi octaver digitali come il Micro POG o il POG 2. Ne esiste inoltre una versione rara e costosa che presenta la scritta "Octaver", molto ricercata dai collezionisti, ma che all'interno contiene la stessa circuiteria e componenti dell'altra versione, e di conseguenza ne possiede lo stesso suono. Questa versione rara richiede l'alimentazione a 12V (alimentatore aca Boss) per funzionare ottimamente ma può comunque essere utilizzato a 9V.
Buon pedale, la cui chiarezza e precisione nel creare le ottave sarà direttamente proporzionale all'abilità del suo utilizzatore. Tra i suoi utilizzatori più convinti troviamo il bassista dei Muse Chris Wolstenholme, che lo tiene fisso in pedaliera dal 1999!

Recensione del pedale Boss DS-1 Distortion

Il .

Voto: 2/5 - Una distorsione molto fredda

boss-DS1-distortion-350

Il Boss DS1 Distortion è uno dei primi pedali creati dall'azienda Boss e forse uno dei più venduti a livello mondiale. I controlli che presenta sono le tre classiche manopole di un distorsore: Level, da cui regolare il livello generale dell'effetto, Tone da cui regolare l'equalizzazione e Dist, da cui regolare il grado di gain del pedale.
Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1978 ed è attualmente ancora in produzione! Gli esemplari prodotti prima del 1997 devono essere alimentati tramite alimentatore esterno a 12 volt, mentre quelli prodotti dopo tale periodo possono essere collegati tranquillamente a un classico alimentatore a 9 volt con assorbimento a 4 mA. Entrambe le versioni possono ovviamente essere alimentate tramite batteria interna a 9v.
Possiedo una recente versione di questo pedale e trovo la sua distorsione molto fredda e poco dinamica, ruvida, senza armoniche.. insomma non mi piace per niente. Su internet mi è capitato di leggere di gente innamorata del DS1 e di altra che invece acclama a gran voce le vecchie edizioni schernendo quelle contemporanee. Non ho mai avuto occasione di provare i vecchi modelli ma mi sento di sconsigliare vivamente quelli in commercio ora, soprattutto se si vuole utilizzare il distorsore in un contesto dove sono importanti i fraseggi di chitarra (rock, alternative, blues, ecc..). Se si vuole dare espressione e spessore al proprio sound bisogna rivolgersi sicuramente verso altri pedali: per la linea Boss consiglio il Boss SD-2 Dual Overdrive, mentre se si vuole spaziare tra altre marche, il Fulltone OCD oppure il ProCo Rar Vintage Reissue.
Di recente è uscito il Boss DS-1x Distortion, versione digitale e più accorta che promette di soddisfare in maniera più completa il chitarrista, anche se costa più del doppio di quella standard. C'è anche da dire che il DS1 usato si riesce a reperire intorno alla cinquantina di euro e che quindi si potrebbe fare la pazzia di acquistarlo anche solo per provarlo e al massimo rivenderlo allo stesso prezzo.

Sono rimasto scioccato quando sono venuto a conoscenza che il Boss DS1, insieme al Boss DS-2 Turbo Distortion, sono la distorsione principale utilizzata da John Frusciante, (ex) chitarrista dei Red Hot Chili Peppers. Ancora oggi mi chiedo come sia possibile, ma come si sa, i gusti sono gusti.

Recensione del pedale Boss OD-2 Turbo Overdrive

Il .

Voto: 3/5 - Buon overdrive, reperibile con pochi euro

boss-OD2-turbo-overdrive-350

Il Boss OD2 Turbo Overdrive è un overdrive che possiede un suono molto versatile e caratteristico. Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1985 ed è fuori produzione dal 1995 In questo pedale troviamo quattro potenziometri, di cui 3 classici: Level che regola il livello di volume generale del segnale quando è inserito; Tone che ci permette di regolare l'equalizzazione dell'effetto e Drive che regola il livello di overdrive che vogliamo aggiungere al nostro segnale. Possiede una quarta manopola denominata Turbo: un potenziometro on/off che permette di dare un po' più di grinta all'overdrive. Esiste una seconda versione di questo pedale, chiamato OD2r (dove la r sta per Remote), che possiede un'entrata jack in più a cui si può collegare un qualunque pedale switch per controllare da remoto l'entrata in funzione del Turbo.
Essendo un pedale abbastanza datato, il Boss OD2 Turbo Overdrive può essere alimentato tramite batteria interna a 9 volt oppure tramite alimentatore esterno a 12 volt con assorbimento 10 mA, richiederebbe quindi l'alimentatore Boss ADA ma non preoccuparti perché esistono vari trucchetti per poter far funzionare al meglio questo pedale anche senza quell'alimentatore, leggi la mia guida a proposito! La seconda versione di questo pedale, quella con il comando Remote chiamata OD2r (1994-1997), può essere alimentata nella stessa maniera del precedente a parte le unità prodotte nell'anno 1997, che presentano la scritta PSA di fianco all'entrata dello spinotto dell'alimentazione, in questo caso possiamo utilizzare un qualunque alimentatore esterno stabilizzato a 9 volt con assorbimento 13 mA.

Il Boss OD2 è un overdrive dal suono molto gradevole, a tratti simile al Boss OD3 Overdrive, ma in base a come si regola il potenziometro Drive si riescono a ottenere sonorità molto differenti, dall'overdrive soft a quello molto aggressivo, in più il suo punto di forza riguarda l'opzione Turbo che rende il suono ancora più aggressivo e ricco di armoniche, una vera e propria distorsione molto gradevole in grado di accontentare il gusto di molti chitarristi. Infine, con il Drive impostato al massimo riusciremo a raggiungere sonorità hard rock.
Ho inserito il Boss OD2 in pedaliera per qualche tempo ma poi ho deciso di toglierlo perché avevo già pedali overdrive e distorsioni a sufficienza. Consigliato se stai cercando un overdrive o una distorsione versatile e vuoi spendere poco!

Recensione del pedale Boss ODB-3 Bass OverDrive

Il .

Voto: 4/5 - Overdrive per basso molto versatile!!

boss-odb3-bass-overdrive-350

Il Boss ODB3 Bass Overdrive è un overdrive della Boss, variante del Boss OD3 Overdrive, creato appositamente per il basso ma tranquillamente utilizzabile anche con la chitarra. Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1994 ed è attualmente ancora in produzione. Possiede quattro controlli: Level che controlla il volume, EQ che è suddiviso in due potenziometri dedicati uno alle frequenze alte e uno alle basse, Balance per miscelare il segnale pulito a quello distorto e Gain per aumentare la distorsione. Gli esemplari prodotti prima del 1997 devono essere alimentati tramite alimentatore esterno a 12 volt, mentre quelli prodotti dopo tale periodo possono essere collegati tranquillamente a un classico alimentatore a 9 volt con assorbimento a 13 mA. Entrambe le versioni possono ovviamente essere alimentate tramite batteria interna a 9v.

Il Boss ODB3 Bass Overdrive è veramente molto dinamico e versatile e non si limita ad essere un overdrive, infatti portando il gain a livelli alti è capace di trasformare il suono in una distorsione. Con il basso trova ovviamente la sua massima espressione, è una bomba, e può essere considerato una validissima alternativa al famoso Human Gear Animato, distorsore da 500 euro, di cui esistono veramente pochi cloni. I punti a favore di questo pedale sono l'equalizzazione perfettamente controllabile tramite due potenziometri molto dinamici che consentono di utilizzarlo anche con la chitarra, e il Gain che tramite la sua dinamicità permette di ottenere moltissime sfumature di overdrive. Il tutto viene completato dal controllo Balance per miscelare a piacere il suono pulito a quello processato. Non posso fare a meno di consigliarlo a tutti i bassisti che stanno cercando un overdrive dalle mille funzionalità!

Recensione del pedale Boss OD-3 Overdrive

Il .

Voto: 3/5 - Un overdrive affidabile e dal suono classico!

boss-od3-overdrive-350

Il Boss OD3 Overdrive è uno dei pedali di punta della Boss, versione evoluta del Boss OD1 Overdrive, il primo pedalino overdrive mai creato! Il pedale è stato immesso sul mercato nel 1997 ed è tuttora in produzione. Si tratta di un pedale molto intuitivo che dispone di tre semplici potenziometri: Level che ci permette di regolare il volume del segnale, Drive che ci permette di regolare il grado di saturazione dell'effetto e Tone che controlla l'equalizzazione.
Il pedale può essere alimentato tramite batteria interna a 9 volt oppure tramite alimentatore esterno a 9 volt con assorbimento 8 mA.

In confronto al Boss SD1 Super Overdrive l'OD3 risulta più pacato, anche se di poco. L'overdrive che genera è molto caldo e fedele, il potenziometro del drive è abbastanza dinamico e permette di ottenere diversi timbri di overdrive. Credo che l'aggettivo "classico" sia proprio azzeccato e mi dà l'idea di un pedale che non deve dare supporto a nessuno: deve essere utilizzato unicamente come overdrive, da solo o al massimo insieme ad un booster che gli dia un minimo di gain in più. Il suo lato negativo è sicuramente il prezzo, il doppio rispetto al pedale SD1 Super Overdrive, cosa che non riesco assolutamente a giustificare, inoltre è più morbido ma meno versatile del Boss BD2 Blues Driver.

Il Boss OD3 Overdrive mi piace molto, l'ho anche inserito in pedaliera per qualche anno per poi sostituirlo nuovamente con l'SD1, poiché suonando un genere alternative non ho particolari esigenze legate alla timbrica o fedeltà dell'overdrive e con quest'ultimo ho sempre avuto più feeling! In caso di dubbio provali entrambi perché sono veramente due pedali diversi.

Recensione del pedale Boss SG-1 Slow Gear

Il .

Voto: 3/5 - Buono Swell, molto rapido nel dare volume.

boss-sg1-slow-gear-350

Il Boss SG1 Slow Gear è un pedale Boss fuori produzione molto ricercato, prodotto dal 1979 al 1982. La sua funzione è quella di azzerare il volume della nota che si è appena suonata e di alzarlo in un arco di tempo variabile, creando un effetto simile a quello di un violino, il cosiddetto effetto swell, e la sua funzione è tecnicamente l'opposto di quella di un compressore.
Lo Slow Gear possiede due potenziometri: Sens e Attack. Il controllo Sens regola la sensibilità del pedale: se impostato a valori bassi, lo swell si otterrà solo con pennate forti mentre non sarà applicato a quelle deboli; alzando il valore invece l'effetto si otterrà anche con le pennate deboli. Il controllo Attack regola il tempo entro cui il volume deve raggiungere il suo massimo livello dal momento in cui viene data la pennata. La regolazione dell'Attack è comunque molto rapida anche se regolata al massimo.
Questo pedale, essendo stato prodotto prima del 1997, può essere alimentato tramite batteria interna a 9 volt oppure tramite alimentatore esterno a 12 volt con assorbimento a 4 mA.

Lo Slow Gear attualmente è troppo costoso, quindi è consigliabile comprarlo solo se si è dei collezionisti e non per posizionarlo in pedaliera: col tempo si danneggerebbe e perderebbe valore. Se è tua intenzione inserire questo effetto in pedaliera, dai un'occhiata al Mooer Slow Engine, in pratica un clone del Boss SG1 Slow Gear, molto compatto, con gli stessi controlli dell'originale ma con tempi di swell maggiori. Un altro pedale che incorpora questo effetto è lo Strymon Timeline, il delay che sto utilizzando ora in pedaliera. Un altro metodo per ottenere questo effetto è quello di inserire un semplice pedale di volume tra chitarra e amplificatore, portandolo da posizione 0 a posizione 100 dopo ogni pennata, eseguendo quindi il lavoro dello Slow Gear manualmente.
Quando si utilizza un pedale con effetto swell è consigliabile posizionare un compressore o un overdrive prima di esso per garantire un buon mantenimento di volume durante l'esecuzione. Io utilizzo un booster.

Lo Swell è un effetto molto bello e importante nel mio sound, crea atmosfera e solitamente non viene molto sfruttato. A me piace utilizzarlo per aggiungere un alone di mistero alle canzoni, oppure per creare delle intro a regola d'arte!

Pedali e chitarre IN VENDITA

pool 293Ho sempre della strumentazione interessante in vendita, ti consiglio di dare un'occhiata alla mia pagina su mercatino musicale e vedere se c'è qualcosa che possa interessarti!

Articoli che potrebbero interessarti:

Tutti i marchi e le immagini appartengono ai legittimi proprietari.
Testi: © 2014 - 2017 Copyright Alberto Dessì. Vietata la copia anche parziale.
Note Legali - Privacy - Cookie Policy

facebook youtube Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, necessari per il suo funzionamento e utili alle finalità illustrate nella cookie policy.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.